Poiché Google è il motore di ricerca più sfruttato, non molti conoscono il Webmaster Tool di Bing, anche se in alcuni casi Bing e Yahoo possono portare circa il 20% di traffico organico al proprio sito.

Per poter utilizzare il Bing Webmaster Tools è ovviamente necessario registrarsi: scegli una mail personale – accedendo con l’account Microsoft – se utilizzerai l’account solo tu, o crea una mail generica per un account di utilizzo aziendale.

Per rimanere aggiornato sulle ultime versioni, sui cambiamenti e sugli aggiornamenti, potrai subito decidere se ricevere una mail. Ricordati comunque di controllare periodicamente l’area “Messaggi”, in alto a destra.

Iniziare, con Bing Webmaster Tools

Dopo la registrazione, un’interfaccia pulita e semplice ti guiderà nell’inserimento dei tuoi siti: vai su “Aggiungi sito” e inserisci tutti quelli che vuoi monitorare, semplicemente copia-incollando l’URL.

Il passo successivo, così come avviene per Google Webmaster Tools, consiste nel verificare la proprietà dell’account. Una volta scelto il metodo di verifica (Autenticazione del File XML, Autenticazione tag Meta o Record CNAME da aggiungere al DNS), basta tornare al menù principale e selezionare la voce “Verifica” (pagina “Verifica Proprietà” all’interno della Dashboard).

pagina iniziale Bing_1

Configurare il sito

Dopo la verifica, verrai portato nell’interfaccia completa del webmaster tool, nella sezione “Dashboard”. Qui, tramite “Configura il sito” potrai quindi aggiungere la sitemap (clicca su “Invia mappa del sito”) e gestire numerose altre variabili.

Per esempio, con il tool “Ignora parametri URL” potrai bloccare parametri di tracciamento che sono poco graditi a Bing o che generano pagine di poco valore per questo Search Engine.

Ignora parametri URL_1

Leggi tutto »

Categoria: Seo