2.171 views

Le penalizzazioni manuali di Google sono uno dei fattori di cui più si discute negli ultimi anni. La possibilità di sapere che viene applicata una penalizzazione e la possibilità di capirne i motivi non mitigano di certo il timore di venire penalizzati in qualche modo, anche se ormai le regole di Google sono piuttosto chiare e i motivi delle penalizzazioni lo sono altrettanto.

Vi è mai capitato di lavorare davvero duro per giorni e giorni – se non per mesi – per rimuovere una delle penalizzazioni sul sito di un cliente, segnalata nell’area apposita di Google Webmaster Tools? Ma soprattutto, vi è mai capitato che dopo aver lavorato tanto e prima di inviare la richiesta di riconsiderazione, la penalità sparisse?

Ebbene si, anche le penalità manuali, sembra, hanno una “data di scadenza”.

Penalizzazioni di Google con scadenza

Se andando nel pannello apposito del Webmaster Tools di Google non hai più modo di sottoporre la tua richiesta di riconsiderazione del sito, probabilmente la tua penalizzazione manuale è scaduta. Non sono in molti a sapere, infatti, che le penalità manuali di Google possono scadere!

Il fenomeno non è molto noto per il fatto che sembrano non esserci fattori precisi per la scadenza: in alcuni casi sopraggiunge dopo pochi mesi, in altri dopo anni.

Probabilmente, la differenza di tempo dipende da un “ranking” di gravità che viene assegnato alla penalizzazione stessa al momento in cui viene segnalata.

Questa spiegazione è anche quella offerta in un video del 2011 da Matt Cutts.

Poiché non sempre alla “sparizione” di una penalizzazione si accompagna un aumento del ranking, molte persone possono aver pensato che sia la penalizzazione che la sua sparizione possono essere stati un errore. In realtà, poiché il ranking del sito dipende da molti fattori, potrebbe semplicemente servire un po’ di tempo per vedere gli effetti della penalizzazione scaduta o, magari, il sito è sotto l’effetto di Penguin.

È vero che le penalizzazioni manuali vengono applicate da un team umano, ed è vero quindi che possono esserci errori, ma certamente sono più rari rispetto al numero delle “sparizioni” delle penalizzazioni.

A questo riguardo è importante notare come lo stesso Muller abbia ripetutamente fatto notare – nell’area Hangouts di Webmaster Tools – come se nell’area messaggi non è evidenziata “nessuna azione manuale”, non c’è penalità manuale sul sito.

Quindi, se si è lavorato per risolvere una penalizzazione manuale e nel momento in cui si sta cercando di chiedere un riesame questa è scomparsa, allora vuol dire veramente che non c’è più un’azione di penalizzazione manuale sul sito.

Tra l’altro, è importante notare che non si otterrà alcuna notifica di problemi algoritmici che interessano il posizionamento del proprio sito: non c’è da sperare, Panda e Penguin non scadono.

Se la vostra penalizzazione è scaduta, cosa fare?

Se la sanzione manuale è scaduta, significa che è tornato tutto a posto? La risposta è questa: dipende da quanto lavoro di pulizia è stato già fatto.

Se i problemi che erano stati penalizzati (es. link innaturali, scarsa qualità dei contenuti) non sono stati risolti, il rischio è quello di incappare in un’altra penalizzazione manuale e di ritrovarsi in condizioni peggiori rispetto alla volta precedente. Nella maggior parte dei casi, infatti, se si riceve una seconda sanzione manuale, Google tende ad essere più severo.

Se tuttavia si stava per richiedere un riesame del sito e si crede di aver fatto tutto il possibile, probabilmente sarà inutile preoccuparsi di una nuova penalizzazione manuale.