Il 25 luglio 2014 è stato rilevato per la prima volta in USA un aggiornamento dell’algoritmo di Google che impatta sui risultati locali, che è stato denominato Pigeon, più o meno in onore del PigeonRank, un pesce d’aprile di Google che risale al 2002 che annunciava un sistema di ranking delle parole chiave basato sui piccioni (qui il link ufficiale del pesce d’aprile PigeonRank).

È del 22 dicembre la notizia che l’algoritmo è ufficialmente entrato in Europa, colpendo l’UK (nello stesso giorno anche la local search di Canada e Australia). Dopo le ultime notizie sull’aggiornamento dell’algoritmo Penguin Double-Take, scopriamo quindi Pigeon.

L'algoritmo google pigeon raggiunge l'europa

Google Pigeon raggiunge l’Europa

Leggi tutto »

Categoria: Seo

Penguin Double-Take: ancora attenzione alla Link Building

Brutte notizie per chi continua a fare link building old-style. Se hai notato improvvise fluttuazioni in SERP o cali/aumenti di traffico inaspettati e immotivati, probabilmente il tuo sito è stato colpito dall’update Penguin Double-Take. Nella seconda metà di ottobre è stato rilasciato infatti un aggiornamento importante di Penguin che ha portato l’animaletto di Google alla versione 3.0. Leggi tutto »

Categoria: Seo

Su Twitter i molestatori hanno i giorni contati. Da qualche giorno la piattaforma dei 140 caratteri ha implementato un nuovo sistema per segnalare agevolmente quegli account che non si comportano in maniera propriamente lecita o quei contenuti non proprio ammirevoli.
D’ora in avanti dunque sarà molto più semplice “flaggare” utenti e tweet, anche per chi non ne è il destinatario, nel senso che anche chi si imbatte in un abuso o in una molestia può fare la sua segnalazione, senza dover essere necessariamente la vittima.
Nel video che vedete qui sotto trovate illustrata minuziosamente la procedura (via apparecchi mobili).

Modifiche sono state apportate anche alla pagina che elenca gli utenti bloccati, a cui si accede (via desktop) dalla sezione dei “Settings”. L’utente adesso può vedere gli account che ha bloccato elencati l’uno sotto l’altro ed effettuare operazioni su ognuno di essi, come inviargli un messaggio privato, aggiungerlo o rimuoverlo dalla lista, fare una segnalazione, ecc. Queste features, tra l’altro, saranno anche estese in futuro. Ovviamente agli account bloccati non viene data la possibilità di vedere il profilo dell’account che ha effettuato il blocco.

New Twitter Block Page

Il rilascio delle nuove funzioni è già partito, ma ovviamente non riguarda tutti – almeno per il momento. Solo alcuni utenti infatti stanno testando le novità. Twitter comunque promette di estenderle a tutti nelle prossime settimane.

(Fonte: Twitter.com)